BuerCaim - Stupro Sociale BuerCaim
STUPRO SOCIALE
FINE DI UNA DINASTIA

HOME IL MONDO L'EROE IL FALSO GALLERIA LA STORIA L'OPERA

    BuerCaim - Link diretto
   
    La Trama Oscura
   

Quante volte è capitato di sentire la frase “combattere per un ideale”?
Nei film, nelle storie narrate sui libri, nella vita odierna, insomma, molte volte. Ogni eroe combatte per un ideale, il grande mito, l’eterna battaglia tra il bene e il male e molte altre cose ancora. Ora però dobbiamo analizzare questa frase nel dettaglio, ovvero...
Il fine è nobile, ovvero che non causa danno e sofferenze a nessuno; “combattere per un ideale” assume un tipo di significato e guarda caso, non implica necessariamente conflitti armati e guarda caso, non interessa a nessuno, tranne che al vero eroe, poiché rende poco, economicamente parlando.
Il fine è nobile, ma per raggiungerlo, il termine “combattere” assume un significato più sinistro, di tipo armato. A questo punto il fine non è più nobile, quindi la frase “combattere per un ideale” non è che una scusa per nascondere i reali interessi.
Ultimo caso. Il fine non è nobile, quindi di conseguenza la frase “combattere per un ideale” non è che uno slogan, per qualsiasi pazzo furioso che, spinto da oscure bramosie di potere, quasi sicuramente porterà dolore e sofferenza, oltre ogni limite umano.

Perché queste distinzioni? Perché è evidente che: qualsiasi ideale che passi per la coercizione, non può essere considerato nobile. Ma quello che ritengo sia il vero scandalo è l'utilizzo che se ne fa oggi. Oggi, gli ideali vengono creati dal mondo politico, per irrigare la speranza di poter creare le basi, su cui costruire la scusa, per scatenare un conflitto. Oppure se preferite, oggi, gli ideali vengono creati dal mondo politico ed economico, per irrigare la speranza di poter creare le basi, su cui costruire la scusa, per scatenare un conflitto. I vecchi ideali sono morti con l'espansione incontrollata del consumismo. Tutto quello che è oggi ha valore, ha valore se è quantificabile o convertibile in ricchezza materiale. I veri ideali sono morti, quando milioni di essere umani sono stati trucidati nei campi di sterminio, morte sotto le bombe sganciate dagli aerei, morte per la fame e questi non sono che esempi. Le guerre sono sempre state create, organizzate, studiate, ponderate per il loro ritorno economico. Non esistono realmente i veri “liberatori”, visto che poi vogliono essere “ripagati” a caro prezzo e questo prezzo, è stato sempre pagato con la sofferenza dei più deboli. Oggi, la maggior parte di coloro che sfruttano ancora il pretesto degli “ideali”, vendono il prodotto, il loro prodotto che è la falsa libertà, sfruttando nuove tecnologie e l’arte, ormai affinata, miete sempre più vittime. Gli ideali così creati, vengono poi proposti su un piatto, come un pappone già bello che pronto, solo che non avendolo fatto voi, non saprete mai cosa realmente c'è dentro.

Contesto pienamente il mondo politico nonché, il mondo e il modo mediatico che insieme hanno favorito la nascita di un mostro, il potere economico. Con la perdita dei valori più umani e profondi, quelli sociali, basta guardare la politica, con la perdita dei valori più terreni, basta guardare l’operato falso della chiesa, passato o no che sia, sono state fatte e vengono tuttora effettuate scelte e prospettive, a dir poco allucinanti. Non esiste una sola cosa, una che sia una, che viene realmente fatta e studiata, esclusivamente, per il bene comune.

Mi dispiace! Abbiamo venduto l'ideale e il valore umano per trenta vecchi denari, come già è successo tanto, tanto tempo fa. BuerCaim, la storia millenaria di uno stupro perpetrato dal genere umano, contro i propri simili. Entra anche tu nel mondo di BuerCaim.

Massimiliano Cerrone

il mondo

BuerCaim - Stupro Sociale

BuerCaim è un portale, un varco verso un mondo migliore.
E’ l’essenza, l’esame dell’unica vera possibile rivoluzione, quella sociale, quella culturale. Viviamo un mondo governato da regole, a volte asssurde, ingiuste, incoerenti e il più delle volte anticostituzionali, che non tutelano minimamente ne il singolo, ne il popolo. BuerCaim, il mondo mancato e che dovremmo vivere.


L'EROE

Tra alti e bassi, tra brutto ed inverosimile, la trama più intrigante di tutti i tempi volge al suo seguito. Coinvolti dai miti delle grandi produzioni digitali e dalle idee e speranze in esse racchiuse, continuiamo ad immaginare che il bianco vinca sempre sul nero e che l’atto umano, ormai perduto, possa ancora suscitare stupore.


Il falso


Fino dove si spinge il vostro senso del reale? In che modo considerate reale una cosa e irreale un'altra? E' veramente vero quello che ascoltate, quello che vi viene detto? Siamo consapevoli che quello che a prima vista, può sembrare non vero, anche se inverosimile, potrebbe essere vero? Vi siete mai chiesti, se determinate vostre decisioni, possano essere state influenzate negativamente a vostra insaputa, da tutta una serie di eventi e non necessariamente, da voi creati? (Nessun riferimento ad arti mistiche o affini) Siete consapevoli del fatto che, in realtà, il "presente" non esiste? (Riferimento ad un uso improprio della parola "presente" e nel modo in cui noi ci relazioniamo in base tale errore) Sapete che almeno il 70% delle cose che vengono dette dalle classi dirigenti politiche sono false? Sapete che buona parte delle notizie su: eventi storici, geografici, sociali, non che di cronaca, sono volutamente sbagliate e/o manipolate? (Con riferimento: a disatri naturali e non, ambientali, ad atti di violenza particolarmente efferati, di sfruttamento etc...) Siete consapevoli che la "vera fantascienza" non si trova sui libri, ne sugli schermi televisivi o cinematorafici, ma al di là di ogni finestra?


galleria

Molte volte, le parole non rendono una corretta visione di quello che ci circonda e che, dimentichiamo di vedere o decidiamo del tutto di non considerare. I risultati, sconvolgenti, non possono passare inosservati. Se l'umanità fosse davvero di tipo "superiore", credo che dovrebbe tenere in maggior considerazione, gli effetti collaterali di un'economia basata sullo sfruttamento indiscriminato delle risorse del pianeta; non che dello sfruttamento indiscriminato di una risorsa come la vita stessa.


la storia

Il progetto completo è racchiuso in quattro diverse opere, quattro racconti, quattro strorie dal fine oscuro. "L'anello mancante" non è che il principio, un trampolino di lancio da cui analizzeremo e vivremo mondi alternativi. In alcuni casi più funzionali, in altri più materiali e annoteneremo le diverse peculiarità che li accomunano al nostro. Esamineremo azioni e schemi di pensiero, che scarsamente vengono usati quotidianamente, ma che apporterebbero sicuri benefici, se solo venissero considerati seriamente. BuerCaim è un grido nella notte, che solleva mille domande: Esiste nel cosmo, una società che si è evoluta senza l'ausilio della violenza? Le sofferenze dell'essere umano, nel limite delle nostre conoscenze come individui terrestri, fanno parte di un volere divino? Esiste un destino scritto in precedenza da qualcuno, che regola o vincola in ogni caso le nostre scelte, quindi la nostra vita? Siamo davvero pronti, eventualmente, a confrontarci con una società più evoluta della nostra? Se siamo realmente vincolati ad un potere divino, giusto, corretto, sincero, perchè nonostante tutto, continuiamo a prosperare sulla sofferenza, dei nostri simili? Se siamo tutti figli, fratelli o serelle, perchè ogni epoca è segnata da crimini sempre più efferati, verso i nostri, figli, fratelli o sorelle? Se siamo così evoluti, tanto da ritenerci "evoluti", perché spendiamo miliardi per le armi e molto meno, per portare cibo e acqua dove serve? Se siamo così evoluti, tanto da ritenerci "evoluti", perchè mandiamo messaggi di pace nel cosmo, ma bombe ai nostri vicini sulla terra? L'evoluzione conduce irrimediabilmente alla distruzione o è la distruzione, il fulcro per l'evoluzione? Siamo davvero "terrestri" o siamo anche noi degli "alieni"? Queste non sono che alcune, delle molteplici domande che alimentano il mondo di BuerCaim.




BuerCaim - L'anello mancante

L'anello mancante

opera prima

BuerCaim - Stupro Sociale

Società, cultura, economia, scienza, religione, sono solo alcuni dei canali che alimentano il progetto nell'insieme. Il modo in cui le risorse del pianeta vengono sfruttate, di come altre non vengono prese in considerazione, poichè apporterebbero eccessivo benessere, quindi troppa libertà ai singoli, rallentando in questo modo il processo di capitalizzazione delle grandi aziende e quindi il controllo, visto che l'obiettivo reale delle grandi aziende, non è quello esclusivo di capitalizzare, ma di avere un controllo a largo spettro su una, o più risorse e per farlo, servono i capitali. Con la fine della "guerra fredda", ci ritroviamo oggi coinvolti, nella "guerra delle infrastrutture". Una società nella società che segue una struttura piramidale, i cui membri, pochi ed esclusivi, determinano e regolano l'andamento dell'intero pianeta, attraverso un'economia mal sana, controllata da una politica, altrettanto mal sana. Ad alimentare tutto questo, un vero e proprio "indottrinamento" delle masse, attraverso notizie controllate e tendenze pilotate e tutto, per il controllo finale. E' vero quando si dice che c'è una guerra in corso, ma è una guerra fatta dai singoli che, con il loro operato, operano per un fine più nobile, più corretto. BuerCaim è una provocazione, una piccola scintilla che, unita a molte altre, alimentano il desiderio di cambiamento.




BuerCaim - Stupro Sociale

Un portale, un varco verso un mondo migliore. E’ l’essenza, l’esame, dell’unica vera possibile rivoluzione ovvero, quella sociale, quella culturale.

Leggi: L'anteprima

Facebook Wordpress Wordpress Editoria

Titolo: Buer Caim Strupro Sociale

Autore: Massimiliano Cerrone
Copertina: ISBN | 9788891122179

© Tutti i diritti riservati all’Autore
Nessuna parte di questo libro può
essere riprodotta senza il
preventivo assenso dell’Autore.

Youcanprint Self-Publishing
Via Roma, 73 - 73039 Tricase (LE) - Italy


www.youcanprint.it - info@youcanprint.it
Facebook: facebook.com/youcanprint.it
Twitter: twitter.com/youcanprintit


Copyright © 2005 - 2021 Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il preventivo assenso dell’Autore.